L’accesso alle biblioteche UNITO è su prenotazione, tramite l'applicativo Affluences, secondo le MODALITÀ INDICATE

L'ARCHIVIO "ERIK PETERSON"

Erik Peterson nacque il 6 luglio 1890 ad Amburgo e morì nella stessa città il 26 ottobre 1960. Dopo aver studiato nel locale Gymniasum, Peterson studiò teologia evangelica nelle università di Strasburgo, Grefswald, Berlino, Gottinga e Basilea. Nel 1920 sostenne l’abilitazione con la dissertazione Heis Theos. Epigraphische, formgeschichtliche und religionsgeschichtliche Untersuchungen, che una volta pubblicata lo fece conoscere a livello internazionale. Dal 1924 fino al 1929, data della sua conversione al cattolicesimo, esercitò come Privatdozent in varie università tedesche. Nel 1933 si trasferì a Roma, ove ottenne incarichi di insegnamento presso il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana. Gli altri suoi scritti più noti sono: Der Monotheismus als politisches Problem (1935); Theologische Traktate (1951); Marginalien zur Theologie (1956). La sua Biblioteca, insieme allo schedario e alle sue carte di archivio, furono acquisite dall’Università di Torino il 23 ottobre 1961 e sono conservati presso la Biblioteca “Erik Peterson”. L’Archivio è stato ordinato nel 2010 con un contributo della Compagnia di San Paolo. Per approfondimenti e per consultare l’inventario si veda Il volume L’Archivio “Erik Peterson” all’Università di Torino. Saggi critici e Inventario, a cura di A. Monaci Castagno, Edizioni dell’Orso 2010, anche consultabile in rete:

 https://archive.org/details/LarchivioerikPetersonAlluniversitDiTorino.SaggiCriticiEInventario